Capelinha das Aparicoes.jpg

Cappellina delle Apparizioni

La Cappellina delle Apparizioni è il "cuore" del Santuario di Fatima.

La Madonna parlò ai pastorelli nel luogo in cui si trova la Cappellina. Delle sei apparizioni della Madonna, cinque avvennero qui - maggio, giugno, luglio, settembre ed ottobre – dove, su indicazione della Signora, si sarebbe dovuta costruire una cappella in suo onore. Eretta tra il 28 aprile e il 15 giugno del 1919, fu successivamente benedetta, celebrandosi per la prima volta la messa il 13 ottobre del 1921. Fatta esplodere la mattina del 6 marzo del 1922, fu ricostruita e ri-inaugurata il 13 gennaio del 1923.

Sebbene soggetta a lievi modifiche, la Cappellina delle Apparizioni mantiene i tratti originali e caratteristici di un eremo popolare. La tettoia attuale fu inaugurata in occasione della prima venuta di Giovanni Paolo II al Santuario di Fatima, il 12 e 13 maggio 1982. Nel 1988, Anno Mariano, la volta di copertura fu rivestita con legno di pino, proveniente dal nord della Siberia, legno che fu scelto per le sue caratteristiche di leggerezza e durabilità.

Il piedistallo su cui poggia la Statua della Madonna segna il luogo dove si trovava il piccolo leccio sul quale la Signora del Rosario apparve.

L'organo della Cappellina fu costruito dall’organaro Gerhard Grenzing. Ha dodici registri e dispone di due tastiere manuali e pedaliera. Dedicato quasi esclusivamente all’accompagnamento delle celebrazioni, permette, grazie ai suoi timbri particolarmente delicati, l'interpretazione di pezzi del repertorio sacro in un contesto liturgico.

La statua della Madonna del Rosario di Fatima

La scultura della Madonna del Rosario di Fatima, venerata nella Cappellina delle Apparizioni, fu offerta nel 1920 da Gilberto Fernandes dos Santos, di Torres Novas; benedetta il 13 maggio di questo stesso anno, nella Chiesa Parrocchiale di Fatima, fu portata alla Cappellina un mese dopo. Venne solennemente incoronata il 13 maggio del 1946 dal Cardinale Aloisi Masella, legato pontificio.

La corona preziosa, che la statua porta solo nei giorni dei grandi pellegrinaggi, fu offerta dalle donne del Portogallo il 13 ottobre del 1942. E’ d’oro, pesa 1.2 chilogrammi, con 313 perle e 2679 pietre preziose. E’ un esemplare unico e di grande valore artistico ed estimativo. Nel 1989, vi è stato incastonato il proiettile estratto dal corpo di Giovanni Paolo II dopo l’attentato del 13 maggio 1981 a Roma e da lui offerto al Santuario il 26 marzo del 1984.

Opera di José Ferreira Thedim, la scultura è in legno (cedro del Brasile) e misura 1.04 metri. Fu restaurata dall'autore nel 1951 e successivamente ritoccata più volte.

 


 

Pastorinhos em oracao.jpg


Loca do Cabeço

Loca do Cabeço è il luogo dove, secondo le fonti fatimite, avvennero la prima e la terza apparizione dell’Angelo ai veggenti.

Le statue che lì raffigurano l’Angelo e i tre bambini sono opera di Maria Amelia Carvalheira da Silva. La recinzione, in ferro battuto, è opera di Domingos Soares Branco.


 

Poco do Arneiro_noite.jpg


Poço do Arneiro

In fondo al cortile della casa di Lucia si trova il pozzo che divenne famoso per la seconda apparizione angelica, nell’estate del 1916. Fu qui che Giacinta ebbe anche una visione del Santo Padre mentre piangeva e pregava in ginocchio in una grande casa.

Le statue che lì si trovano, dell’Angelo e dei pastorelli, sono opera della scultrice Maria Irene Vilar.


 

Valinhos.jpg


Valinhos

Tra l’VIII e la IX stazione della Via Crucis, lungo il Cammino dei Pastorelli, si trova il luogo dove avvenne la quarta apparizione della Madonna, il 19 agosto 1917.

Il monumento che indica l’evento fu costruito con le offerte dei cattolici ungheresi. La statua fu scolpita da Maria Amelia Carvalheira da Silva e l’edicola in cui si trova fu progettata dall’architetto Antonio Lino.

comments